Alghero, lotta al falso corallo rosso

di del 31 luglio, 2015

Una campagna di informazione e sensibilizzazione e un marchio di qualità per difendere il corallo rosso, presente nei fondali di Alghero e diffuso nel Mediterraneo. È la proposta avanzata dagli addetti ai lavori algheresi con l’obbiettivo di difendere il corallo, la sua storia e il suo legame con l’identità della Riviera del Corallo dall’assalto di prodotti di dubbia provenienza. Nella migliore delle ipotesi si tratta di corallo che non proviene dal Mediterraneo, presumibilmente asiatico, sottoposto a trattamenti e processi di colorazione artificiale per renderlo simile all’originale e indurre gli acquirenti a confonderlo con l’originale. Questo fenomeno commerciale sta indebolendo l’immagine e il valore del corallo rosso, pescato a profondità sempre più rischiose dai corallari algheresi, e le produzioni artigianali che hanno fatto la storia della città. “Vogliamo preservare la qualità dell’artigianato algherese basato sulla lavorazione del corallo”, spiega l’assessore delle Attività produttive, Natacha Lampis. “Abbiamo coinvolto in quest’iniziativa le associazioni di categoria, gli artigiani e i commercianti del settore – dice – è una peculiarità che assieme alla lingua catalana caratterizza la città e il territorio a livello internazionale”.

Fonte: Ansa

One Comment

    spartacvs

    08/11/2015at16:55

    ma andate a cagare e smettetela di pescarlo!! che è una specie a rischio!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *