Incendi Gallura, si contano i danni

di del 29 luglio, 2015

L’allerta lanciato lunedì della Protezione civile regionale era stato chiaro: in Gallura, Nuorese e Cagliaritano sarebbe stata una giornata da bollino rosso e le previsioni sono state confermate.

Nelle località di villeggiatura della Gallura, infatti, si sono sviluppati due roghi che, alimentati dal forte vento, si sono avvicinati a villaggi, hotel e hanno danneggiato anche alcune case, costringendo i soccorritori a evacuare le abitazioni, una struttura alberghiera, un villaggio turistico e allontanare i cittadini verso le spiagge.

Il pomeriggio infernale per la Gallura è iniziato alle 14:30. Il primo rogo è divampato a San Teodoro, mentre il secondo è scoppiato 30 minuti dopo a Porto Istana. Nelle due zone sono arrivati gli uomini del Corpo forestale, i vigili del fuoco, i volontari e la Protezione civile.

Ben 17 gli incendi domati in tutta l’Isola. I più impegnativi, oltre a quelli in Gallura, sono stati a Barrali, (Cagliari), Carbonia, Settimo San Pietro, Serramanna e Vallermosa. Fiamme anche a Soleminis, Selargius, Quartu, Villacidro e Sant’Antonio di Santadi. “La macchina della Protezione civile ha funzionato bene, operando con la massima attenzione – ha osservato il direttore generale della Protezione Civile, Graziano Nudda – lo abbiamo fatto in condizioni meteo che all’inizio del pomeriggio, con il forte vento, hanno reso certamente non facili i primi interventi”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *