Leonard Cohen: un concerto-tributo con Sting, Costello & Co.

di del 7 novembre, 2017

È trascorso un anno da quando Leonard Cohen ci ha lasciati. Nel suo ricordo ieri a Montreal si sono ritrovati sul palco del Bell Centre diversi artisti tra i quali Elvis Costello, Sting, Lana Del Rey, Philip Glass, K.D. Lang, Feist, The Lumineers, Wesley Schultz e Jeremiah Fraites, Damien Rice, Patrick Watson e il figlio di Cohen, il cantautore Adam Cohen.

I familiari di Cohen hanno dedicato al grande cantautore, poeta e scrittore canadese lo spettacolo al quale han dato il nome di Tower of Song: A Memorial Tribute to Leonard Cohen. L’evento ha avuto il patrocinio del governo canadese attraverso il suo Primo ministro e il Premier del Quebec, Philippe Couillard. L’incasso della serata finanzierà le attività del Canada Council for the Arts, del Council of Arts and Letters del Quebec e del Montreal Arts Council. Non solo musica quindi, ma anche solidarietà.

Il Tower of Song: A Memorial Tribute to Leonard Cohen sarà il primo evento di una settimana di celebrazioni per ricordare l’artista a Montreal. A cominciare dalla mostra sulla sua vita e sulle sue opere al Museo di arte contemporanea: “Une brèche en toute chose/A Crack in Everything“, che aprirà al pubblico il 9 novembre. Nei prossimi giorni verranno comunicati i nomi di altri ospiti, tra i quali anche numerosi attori.

Prima di morire mio padre mi ha lasciato una lista dettagliata di cose da fare”, ha rivelato Adam Cohen: “Mettimi in una cassa di pino, accanto a mia madre e a mio padre. Organizza un piccolo memoriale per gli amici più stretti e i familiari a Los Angeles… e poi, se vuoi, un evento pubblico a Montreal”. Vedo questo concerto come il compimento dei miei doveri di figlio nei confronti di mio padre: riunirci a Montreal per suonare le campane che possono ancora suonare.
In Italia la casa editrice indipendente di Milano Il Saggiatore ha pubblicato una lunga raccolta di interviste rilasciate da Leonard Cohen e inedite in Italia, dal titolo emblematico: “Il modo di dire addio” che ci fa sfogliare la sua vita pubblica e privata in oltre seicento pagine di parole e poesie.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *