Tanti auguri “Love Me Do”.

L’iconico brano dei Beatles, che segnò il debutto discografico dei quattro ragazzi inglese, compie 60 anni.

Fu infatti composto da Paul McCartney e John Lennon e pubblicato nel 1962 (sul lato B del 45 giri P.S. I Love You). Il 5 ottobre uscì quindi il primo 45 giri ufficiale. Quella armonica a bocca blues, suonata da Lennon, che divenne indimenticabile (e che si ispirava all’artista americano di rhythm and blues Bruce Channel in Hey! Baby). Il brano, che fu poi incluso nell’album di esordio dei Beatles “Please Please Me” del 1963, ebbe una gestazione complicata in fase di registrazione. Furono infatti tre i batteristi che si alternarono in differenti occasioni.

La prima registrazione è del 6 giugno 1962 agli Abbey Road Studios di Londra con Pete Best; a metà agosto, Best venne sostituito da Ringo Starr e il 4 settembre venne eseguita una nuova registrazione sempre agli Abbey Road Studios. Non soddisfatti, una settimana dopo, l’11 settembre, la band tornò in studio per una nuova sessione con il batterista Andy White e con Ringo al tamburello. La prima versione del 45 giri è comunque quella con Ringo Starr alla batteria e la stessa è stata inclusa anni dopo nella versione americana di Rarities e in Past Masters, volume uno.

La versione con Andy White è quella presente nel primo album inglese dei Beatles, Please Please Me, nell’EP The Beatles’ Hits (e in tutti gli album seguenti in cui è presente la canzone) nonché nelle ristampe del singolo avvenute nel 1976 e nel 1982. Una versione blues più lenta di Love Me Do, presente in alcuni bootleg, è stata suonata dai Beatles nel 1969, durante la session di Get Back per l’album Let It Be. Tra le storie che si narrano su Love Me do, quella che vuole che Lennon quell’armonica l’aveva rubata in un negozio di Arnhem nel 1960 e l’altra secondo cui il manager Brian Epstein tentò di far diventare Love me Do una hit nel Regno Unito comprando egli stesso diecimila copie del disco.   

Fonte: Ansa

Lascia un commento